Yogurt fatto in casa senza yogurtiera (anche senza elettricità!)

Come fare lo yogurt in casa senza usare l’elettricità? È molto più facile, più buono, economico di quanto si pensi, e ovviamente è anche super ecologico!

yogurt fatto in casa ricetta

Indice

5 motivi per fare lo yogurt in casa

  1. è buonissimo: con la ricetta che vi do qui otterrete uno yogurt denso e dal sapore particolarmente delicato, quasi privo di acidità, che piacerà moltissimo anche ai bambini
  2. è sano: facendolo in casa si controllano gli ingredienti, quindi niente addensanti per renderlo più denso e cremoso (effetto che possiamo ottenere usando una parte di panna o solo facendolo maturare più a lungo) o zuccheri aggiunti
  3. è economico: considerando che un chilo di yogurt (quello nel secchiellone, che quindi costa anche meno rispetto ai singoli vasetti da 125gr) costa dai 2 ai 5 euro a seconda delle aziende, e che potete farne un chilo con un litro di latte che costa dagli 0.85 ai 2 euro… il risparmio è evidente
  4. è ecologico: un vasetto da 125gr di yogurt pesa 5gr, un secchiello da chilo pesa 45gr – tutta plastica che non metterete più in circolazione, con una ricaduta sui trasporti, gli imballaggi industriali e l’energia che serve riciclare i contenitori (anche se sono di vetro: riciclare è bello, ma non mettere del tutto in circolo materiale da riciclare è bellissimissimo)
  5. è comodo: non bisogna andare a comprarlo quando manca, perché è pronto in poche ore 🙂
yogurt con frutta
Yogurt fatto in casa, pesca noce e semi di zucca

Come fare lo yogurt in casa partendo da uno yogurt comprato – la ricetta

Quando si usa uno yogurt come starter bisogna che questo sia totalmente naturale, ovvero:

  • senza addensanti
  • senza zuccheri aggiunti
  • senza altri ingedienti (frutta, cereali)

Lo yogurt può essere magro o intero, e ne basta uno molto economico (io ne usato uno che costa 38 centesimi al vasetto!). Lo stesso vale per il latte: fresco o a lunga conservazione, scremato o intero, vaccino, ovino o caprino.

ricetta yogurt in casa

Per uno yogurt compatto come quello greco serve unire solo due ingredienti, in queste proporzioni:

  • mezzo litro di latte
  • due cucchiai colmi di yogurt (mezzo vasetto da 125gr)

Per avere uno yogurt più cremoso, sostituite una parte di latte con della panna fresca – circa un quarto, ma sta a voi decidere quanta!

Il primo yogurt fatto in casa sarà lo starter del successivo e così via: davvero non ci sarà più bisogno di comprarne!

Come fare lo yogurt in casa con i fermenti lattici – la ricetta

Lo yogurt può essere peparato in casa comprando in farmacia o nei negozi di cibi bio i fermenti liofilizzati o freschi, da aggiungere al latte secondo le proporzioni indicate sulla confezione. Il costo di partenza è di circa 4 euro.

Come fare lo yogurt in casa senza yogurtiera – il procedimento

Una yogurtiera fa tutto automaticamente, ma si può creare l’ambiente giusto (ovvero una tempertura stabile di 40°) anche usando:

  • il forno di casa, spento, ma con la luce accesa e lo sportello chiuso; oppure usando la funzione fermentazione/lievitazione
  • il forno a microonde con la funzione fermentazione/lievitazione
  • un’instant pot con la funzione yogurt

Questo è il procedimento:

  1. portate il latte a 90° (non oltre)
  2. lasciatelo raffreddare fino ai 40-43° – nb: se il latte è a lunga conservazione basta portarlo direttamente a questa temperatura
  3. unite lo yogurt (freddo di frigo)
  4. mettete il contenitore (consiglio un barattolo di vetro) a riposare nel forno/microonde per almeno 6-8 ore
yogurt in forno

Come fare lo yogurt in casa senza usare l’elettricità – tre procedimenti

Tutto uguale come sopra, solo che invece di accendere un elettrodomestico basta versare tutto in un thermos…

yogurt fatto in casa

chiudere, avvolgere in una coperta o maglione e lasciare riposare.

yogurt termos

D’inverno è consigliabile posizionarli sopra un termosifone.

yogurt senza elettricità

La temperatura si manterrà da sola, e lo yogurt si formerà senza usare elettricità!

yogurt fatto in casa

Il metodo più green per fare lo yogurt è quello nella cocotte di ghisa smaltata (non porosa, mi raccomando), perché nella stessa pentola si scalda, si inocula, si fa fermentare il latte e si conserva lo yogurt – non c’è nemmeno bisogno di lavare il thermos 🙂

La ghisa mantiene a lungo il calore che incamera, e avvolta nella coperta la sera ci accoglie il mattino dopo con uno yogurt perfetto!

yogurt in cocotte

Il metodo più sostenibile per fare lo yogurt senza elettricità è quello di farlo fermentare al sole: è anche il modo più veloce, ideale in estate.

Una volta uniti latte e yogurt tiepidi in una pentola d’acciaio o di ghisa, la si lascia al sole diretto, nelle ore più calde della giornata, per circa 6 ore. Tutto qui!

Come si conserva lo yogurt fatto in casa

Lo yogurt così fatto è pronto! Deve essere conservato in frigo fino a una settimana, chiuso nel suo barattolo di vetro, in una pentola di acciaio con coperchio (no alluminio!), in una ciotola di ceramica con un piatto sopra.

Più matura in frigo, più si rassoda e si separa dal siero (quell’acquetta che si trova sempre a galleggiare anche sopra quelli industriali). Potete gustare la parte più densa tralasciando il siero, oppure rimescolarli insieme e avere quindi uno yogurt un po’ più morbido.

home made yogurt

Come fare lo yogurt vegano in casa

Lo yogurt si può fare con latte vaccino e ovino, ma anche usando basi vegane come:

  • latte di mandorla
  • latte di cocco
  • latte di soia
  • latte di avena
  • latte di riso
  • latte di farro
  • latte di anacardi

A queste si aggiungono un vasetto di yogurt vegetale pronto o i fermenti che si comprano in farmacia e si procede come descritto sopra.

Yogurt di cocco fatto in casa
Yogurt di cocco fatto in casa. Foto © Minimalistbaker

NB – fare i matrimoni misti tra yogurt e bevande vegetali NON funziona, come ha dimostrato l’esperimento di Nicol del foodblog ColCavolo.it, che ha donato mezzo litro di latte di avena e uno yogurt senza lattosio alla scienza… risultato: si sono separati.

yogurt fallito

Come aromatizzare e dolcificare lo yogurt fatto in casa

Partendo dalla base dello yogurt fatto in casa si possono creare vari gusti – meglio se al momento – aggiungendo:

  • zucchero di qualsiasi tipo
  • miele
  • dolcificanti per diete speciali
  • sciroppi (agave, acero, fieno, lampone, mirtillo etc)
  • vaniglia
  • cannella
  • composte, marmellate e confetture
  • frutta fresca
  • caffè liofilizzato

Per la colazione, lo yogurt fresco è anche la base di piatti completi come la crema Budwig o il bircher muesli:

bircher muesli
Il bircher muesli nasce nei primi ani del ‘900 in Svizzera, con il nutrizionista Maximillian Bircher-Benner: si prepara con mela grattuggiata grossolanamente, fiocchi di avena e frutta secca – foto © Caroline’s Cooking

Come usare lo yogurt fatto in casa

Esattamente come lo yogurt comprato, quello fatto in casa può essere usato in ricette e pasti dolci e salati.

Nei dolci rende l’impasto più morbido e il risultato finale più vaporoso e leggero rispetto al burro o al latte stesso; qualche esempio:

charlotte con mousse di lamponi e yogurt
Torta Cakemania: charlotte con mousse di lamponi e yogurt

Tra le preparazioni salate da provare:

  • il tzatziki greco
  • la raita indiana
  • il labneh libanese
  • la zuppa fedda di pomodoro
  • le marinate per pollo (fritto americano, tikka indiano)
labneh
Il labneh si fa mescolando un po’ di sale allo yogurt, e lasciandolo scolare appeso in una garza per 24 ore; si condisce poi con olio EVO e za’tar (erbe e spezie). Foto © David Lebovitz

3 curiosità sullo yogurt?

Sapevatele tutte:

  1. il suo nome deriva dal turco yoğurmak, “mescolare”
  2. veniva consumato già nel neolitico, 6000 anni prima di Cristo; lo preparavano fenici, egizi, greci e romani, ed è citato anche nelle Mille e una notte
  3. il primo yogurt è stato prodotto industrialmente in Spagna nel 1919 da Danone
yogurt fatto in casa senza yogurtiera
mangio zero waste

Segui il progetto #mangiozerowaste per altri consigli su come limitare gli sprechi alimentari, l’uso della plastica e l’overpackaging:

manicure con il limone unghie

Come sfruttare il limone (fino all’ultima goccia)

Come sfruttare al massimo i limoni ricavando tutto il succo e il meglio delle scorze senza sprecare nulla? Ecco i metodi facili per conservare tutte le loro proprietà e avere sempre l'aroma del limone a portata di mano.